Come scegliere un aspirapolvere?

Aspirapolvere senza sacco Dyson

Esempio di aspirapolvere senza sacco

Tra gli elettrodomestici che non possono mancare all’interno di una casa, c’è senza dubbio l’aspirapolvere, un apparecchio utilissimo, che è in grado di rimuovere la polvere depositata sul pavimento, grazie ad un meccanismo di aspirazione ad energia elettrica. Un’invenzione rivoluzionaria che ci ha permesso di mettere da parte la tradizionale scopa, molto meno efficace nella pulizia e molto più faticosa e lenta da utilizzare.

C’è da dire che non sempre è facile riuscire a scegliere l’aspirapolvere giusto, data la grandissima varietà di modelli che il mercato propone. Per ottenere una pulizia profonda e duratura è necessario tenere conto di qualche semplice dettaglio che noi vogliamo brevemente illustrarvi.

Le caratteristiche necessarie

Un buon aspirapolvere deve avere le giuste caratteristiche e, per comprenderle meglio, è necessario soffermarsi un attimo sul funzionamento di tale elettrodomestico. In genere l’aspirapolvere è formato da un involucro di plastica resistente agli urti, contenente al suo interno un motore elettrico in grado di azionare la ventola aspirante.

meccanismo-aspirazione

Meccanismo di aspirazione di un aspirapolvere Dyson

Il meccanismo di aspirazione è reso possibile da una pompa che spinge aria all’interno dell’apparecchio. Quest’ultima confluisce in un contenitore specifico e attraversa il filtro, depurandosi da ogni particella raccolta, che viene a sua volta accumulata negli appositi sacchetti o in un compartimento. Questo ci spiega perché un buon aspirapolvere deve avere non solo la giusta potenza ma anche la giusta quantità di aria circolante al suo interno, caratteristiche che variano di modello in modello e che è bene valutare con attenzione vista la sua fondamentale importanza.

Gli aspirapolvere moderni offrono la possibilità di regolare la potenza dell’apparecchio a seconda della superficie da trattare, e per garantire un corretto funzionamento dell’aspirapolvere il più a lungo possibile, è consigliabile effettuare una piccola manutenzione ogni mese, come consigliato poi su ogni manuale d’uso, evitando che si ingolfi a causa dell’eccessiva quantità di polvere aspirata.

Le diverse tipologie di aspirapolvere

Una volta compreso il meccanismo dell’aspirapolvere e le caratteristiche alle quali bisogna prestare attenzione prima dell’acquisto, è necessario anche conoscere le diverse tipologie di aspirapolvere in modo da scegliere quella più adatta alle proprie esigenze. Molte offrono spazzole, rulli ed accessori vari da poter aggiungere al modello base, in modo da aspirare anche su tende, tappeti e superfici difficili da raggiungere. Altre invece vengono vendute con i principali accessori inclusi nella confezione.

Senza dimenticare che i vari modelli si differenziano, oltre che per forma, dimensione e prezzo, anche per la potenza di aspirazione, in genere dai 400 ai 2000 W per i modelli collegati tramite cavo elettrico, dai 100 ai 400 W per quelli portatili, e dai 3 ai 5 W per quelli robot a batteria. Tra i vari modelli di aspirapolvere in commercio è possibile trovare i robot aspirapolvere, la scopa elettrica, l’aspirapolvere senza sacco, l’aspirapolvere a traino o a bidone, con filtro ad acqua, con generatore di vapore, ciclonico, l’aspirabriciole, l’aspirapolvere senza fili, per auto, silenzioso o in versione mini.

Come scegliere l’aspirapolvere giusto?

La scelta del modello va fatta ovviamente in base alle proprie esigenze e la prima cosa che dovrete decidere, è se optare per un aspirapolvere con o senza sacchetto. L’aspirapolvere con sacchetto effettua, durante l’aspirazione, una funzione filtrante, e consente di effettuare il cambio del sacchetto in maniera pulita, senza entrare in contatto con lo sporco raccolto. Bisogna considerare però che dopo un tot di tempo alcuni modelli di sacchetto, non vengono più prodotti dalla casa produttrice e quindi si rischia di rimanere con un’aspirapolvere praticamente inutilizzabile.

L’aspirapolvere senza sacchetto invece, raccoglie lo sporco direttamente in un contenitore facilmente svuotabile, senza dover sostituire alcun sacchetto di volta in volta. Questo consente un risparmio non indifferente, se si pensa a quanti sacchetti con il tempo andremo a utilizzare e quindi acquistare, ed inoltre il vostro aspirapolvere non rischia di rimanere senza sacchetto se un modello va fuori produzione.

Oltre a questo bisogna poi tenere conto anche del peso dell’aspirapolvere, del consumo energetico e degli accessori a disposizione.

Considerando infine il prezzo, criterio essenziale nella scelta. E’ importante a questo proposito non farsi abbindolare dai modelli di ultimissima generazione, super potenti ed accessoriati, che però non rispondono ai nostri criteri di scelta, ma fare una scelta ragionata, considerando che ad un prezzo adeguato è possibile portare a casa un aspirapolvere più che efficiente e funzionale. Confrontate attentamente i prezzi e fate la vostra scelta sulla base degli aspetti che abbiamo illustrato: non potrete sbagliare.

Migliori Offerte

In questa pagina, selezioniamo i migliori prodotti e offerte presenti online. Se sei interessato all’acquisto di un nuovo aspirapolvere clicca qui

2 Comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *